Le Ricette

Pasta e ceci alla romana
 


Le ricette


tempo di preparazione
TEMPO DI PREPARAZIONE
120 min
difficolt
DIFFICOLTA'
Media
tipo
TIPO
Primo piatto
regione
REGIONE ITALIANA
Lazio


Ingredienti per 4 persone


300 g di ceci


150 g di ditaloni rigati Barilla


uno spicchio d'aglio


2 acciughe salate


un rametto di rosmarino


4 cucchiai di olio extravergine di oliva


30 g di conserva di pomodoro


sale e pepe q.b.


Ingredienti


paglia e fieno

Preparazione 30 minuti per la preparazione + 90 minuti per la cottura

1

Mettete i ceci a bagno in acqua fredda, per 12 ore. Dopo averli fatti ammorbidire, scolate i ceci e lessateli in acqua salata bollente con il rosmarino, facendoli cuocere per un’ora e mezza.

2

Ponete un’altra pentola su un fuoco di media intensità con l’olio e, appena questo sarà caldo, l’aglio pelato e tritato e, appena questo avrà preso colore, le acciughe lavate, spinate e spezzettate.

3

Lasciate soffriggere e, quando le acciughe si saranno sfatte nell’olio, aggiungete la conserva di pomodoro diluita con 2 o 3 cucchiai dell’acqua di cottura dei ceci. Lasciate cuocere per 10 minuti, quindi travasate i ceci con la loro acqua di cottura in questa pentola, eliminando il rosmarino.

4

Appena la zuppa riprenderà a bollire, unitevi la pasta e lasciate cuocere per il tempo indicato sulla confezione. La minestra deve risultare piuttosto densa e va servita con pepe nero appena macinato.


Prodotti tipici (1)



L’olio d’oliva è alimento antichissimo, nato sulle rive del mar Mediterraneo grazie allo sfruttamento dell’olivo, già in epoche antichissime.

Tags: Estate, Spezie-condimenti-salse, Autunno, Inverno, Primavera




Vino abbinato

Servire un vino bianco dal colore giallo paglierino con profumi di fiori e frutta matura, secco, caldo, abbastanza morbido, fresco con una leggera sapidà. Lazio IGT Pecorino.


Consigli dello Chef

Per questa ricetta non sono previsti consigli dello chef.

Vino abbinato

Servire un vino bianco dal colore giallo paglierino con profumi di fiori e frutta matura, secco, caldo, abbastanza morbido, fresco con una leggera sapidà. Lazio IGT Pecorino.


Consigli dello Chef

Per questa ricetta non sono previsti consigli dello chef.

Lasciati ispirare


Caciocavallo di Agnone
Il caciocavallo molisano più noto e ...

Grasso d’alpe
Tipico formaggio dell’Alto Novarese e dell’Ossola, ...

Corallini
I Corallini richiamano il taglio antico ...

I menu regionali: Valle d'Aosta
La cucina valdostana è tipicamente montana: ...

Ai piedi del Gran Sasso
L'Abruzzo è terra dai molti paesaggi, ...

Come preparare il roux bianco
Il roux è un addensante preparato ...

Come cuocere il pesce a vapore
Un metodo di cottura semplice e ...

Razza
Nome comune con cui si indica ...

Abruzzo
Il territorio Il territorio regionale è ...

Spaghettini Integrali
 Gli Spaghettini sono estremamente versatili come ...

Formaggio Ragusano DOP
Di tradizione assai remota, il Ragusano ...

Prosciutto di cinta senese
Di gusto dolce, con una nota ...

Come cuocere a bagnomaria
Quella a bagnomaria è una modalità ...

L’arte gastronomica: Parma, Bologna, Modena e Mantova
Academia Barilla vi propone un pacchetto ...

Pecorino siciliano
Formaggio a pasta dura semicotta, prodotto ...

Camomilla
Nome di diverse specie di piante ...

Miele
Sostanza sciropposa, prodotto dell'elaborazione del nettare ...

Amanita
Genere di funghi della famiglia delle ...

Sicilia
Il territorio L’antica terra dei Siculi, fu ...

Tagliatelle Larghe
Le Tagliatelle  Larghe Emiliane Barilla sono ...

Buristo
Insaccato tipico toscano, in particolare della ...

Semolino
 Il Semolino Barilla è ideale per ...

Salsiccia stufata
Nota anche come salsiccia secca (di ...

Galletto
Termine che indica esemplare di pollo ...

Tra le colline del Chianti
Dolci sono le colline del Chianti, ...

Penne Rigate
Le Penne Rigate sono amate in ...

Tempestine
Le Tempestine sono i primi formati ...

Sugo alle Olive
Il Sugo alle Olive Barilla mette ...

Alkermes o alchermes
Antico liquore digestivo, molto aromatico, a ...